Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Commissione Internazionale Protezione Alpi

La CIPRA, Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi, è un’organizzazione non governativa, strutturata in rappresentanze dislocate nei sette Stati alpini. Ne aderiscono più di 100 associazioni e organizzazioni. La CIPRA opera in favore di uno sviluppo sostenibile nelle Alpi e si impegna per la salvaguardia del patrimonio naturale e culturale, per il mantenimento delle varietà regionali e per la ricerca di soluzioni ai problemi transfrontalieri dello spazio alpino.
CIPRA - Commissione Internazionale Protezione Alpi

Bressanone è la Città alpina 2018

Bressanone-Brixen (Bz)  è la nuova “Città alpina dell’anno” del 2018. La città rappresenta il centro regionale di uno dei principali complessi vallivi della Provincia autonoma di Bolzano. La vivace città alpina, che conta circa 22.000 abitanti, ha ottenuto il titolo grazie a diversi meriti e ai suoi ambiziosi obiettivi. Secondo la motivazione della Giuria internazionale, la città presenta successi sostenibili in particolare per quanto riguarda una politica alpina capace di futuro, orientamenti innovativi e per sapersi proporre come destinazione modello in una posizione cruciale tra città e montagna. Inoltre Bressanone attua in modo mirato strategie della Convenzione delle Alpi e fa emergere elementi promettenti per il futuro. Con il riconoscimento internazionale di “Città alpina dell’anno 2018” la città di Bressanone succede a Tolmezzo (I/2017), Tolmino (Sl/2016) e Chamonix (F/2015).
 

Si è concluso il progetto "whatsalp"

Con il progetto "whatsalp" un gruppo di esperti di questioni alpine ha compiuto la traversata delle Alpi a piedi, partendo da Vienna il 3 giugno 2017 fino a raggiungere Nizza, attraversando Austria, Svizzera, Francia e Italia. questi esperti hanno documentato la situazione attuale delle Alpi e si sono confrontati con persone incontrate durante il percorso. Uno degli obiettivi del progetto è stato quello di fare un confronto con quanto emerso dalla traversata delle Alpi compiuta nel 1992 dal gruppo "TransALPedes" rivolgendo uno sguardo al futuro. I partner principali del progetto sono stati la Commissione Internazionale per Protezione delle Alpi CIPRA e l'associazione svizzera Iniziativa delle Alpi, oltre a numerosi altri partner tra cui la Convenzione delle Alpi. Il 29 settembre 2017 il gruppo whatsalp è arrivato a Nizza.

Un collettivo per la bottega del paese

Rappresentanti della CIPRA Francia insieme a tre gestori della bottega a Saint-Martin-de-la-Cluze/F © Laëtitia SommellaRiprendiamo un bell'articolo della Cipra che racconta di un particolare progetto andato a buon fine nei dintorni di Grenoble.
Un gruppo di abitanti ha rilevato la bottega di Saint-Martin-de-la-Cluze/F. Il bar-drogheria “Chez Jeanne” è stato interamente ripensato, e ora ne approfitta tutto il paese. C’è Manu dietro il bancone in questo paesino di appena 700 anime. Un’immagine in fondo tradizionale, che però per molti aspetti rappresenta qualcosa di straordinario. Infatti l’ultimo negozio del paese era sul punto di chiudere i battenti per sempre. Quando gli ex titolari hanno mollato, il sindaco, preoccupato, ha lanciato un appello per rilevare “Chez Jeanne”.

«whatsalp» arriva in Italia

Cipra LogoIl gruppo escursionistico “whatsalp” attraversa le Alpi, da Vienna a Nizza, documentando i cambiamenti in atto nelle regioni alpine.
Dal 22 agosto 2017 passa anche per l'Italia. Lungo il percorso vengono organizzati numerosi eventi pubblici.
Evidenziare e rendere percepibile il mutamento delle regioni alpine. Questo è l’obiettivo che si è proposto il gruppo escursionistico «whatsalp» nel suo viaggio di quattro mesi. Documentano come sono cambiate le Alpi e quali tracce l’uomo e gli eventi naturali hanno lasciato sul paesaggio. Durante il percorso i partecipanti incontrano persone animate da comuni valori, prendono parte a manifestazioni e si confrontano con i giovani del progetto della CIPRA «whatsalp youth».

La CIPRA e l’Iniziativa delle Alpi seguono il viaggio come partner del progetto. Le esperienze e gli incontri che si verificano lungo la via vengono progressivamente riportati su www.whatsalp.org e www.cipra.org.
Il presente comunicato e alcune immagini stampabili sono disponibili all’indirizzo: http://whatsalp.org/de/medien/
Commissione Internazionale Protezione AlpiLo spazio è finito - in particolare nelle Alpi. Pertanto è necessario un approccio cauto e attento con questa preziosa risorsa. Aree ben sviluppate caratterizzate da una forte pressione di utilizzo si affiancano a regioni interessate da una marcata emigrazione.Le fila dovrebbero ricomporsi nella pianificazione territoriale.
È ancora così, oppure le pretese sono eccessive, considerando gli stili di vita, le attività economiche e le scarse risorse disponibili? Come prepararsi e reagire al cambiamento demografico e alle crescenti aspettative di mobilità, consumi, energia e attività ricreative? Come salvaguardare gli spazi aperti da questa pressione sfrenata?
Alla conferenza annuale della CIPRA "Territori alpini: limiti naturali, possibilità infinite", che si svolgerà il 29 e 30 settembre 2017 a Innsbruck/A, le discussioni saranno dedicate a queste domande e all'importanza dell'assetto del territorio nella politica, alla pianificazione e alla società civile a tutti i livelli. Predisporre, gestire e sviluppare un assetto del territorio in sintonia con le sfide sociali deve essere un obiettivo comune di tutti gli attori coinvolti: su scala alpina, statale, nelle regioni e nei comuni.